L’amica americana

L'amica_americanaMargherita Oggero (n. 1950, Torino) è sia insegnante pensionata che giornalista per La Stampa e autrice. Oggero ha scritto vari romanzi, ma è forse più nota per i suoi gialli regionali (regional mysteries) con il personaggio Camilla Baudino, una docente di liceo a Torino. Il primo romanzo della serie, La collega tatuata (The Tattooed Colleague) (Mondadori, 2003) ha ispirato l’acclamato film Se devo essere sincera (If I Have to Be Sincere) (2004). I romanzi hanno ispirato anche la duratura serie televisiva Provaci ancora Prof! (Try Again, Teach!) per la quale è Oggero a scrive gli episodi.

In L’amica americana (The American Friend) (Mondadori, 2006), il terzo nella serie di sei gialli con Camilla Baudino, Camilla scopre che la piccola villa abbandonata che ha ammirato per anni è in vendita. Pur sapendo di non potersela permettere, prende appuntamento con il proprietario, una vedova italiana proveniente dagli Stati Uniti, facendo così fiorire un’amicizia inaspettata. Un giorno mentre stanno facendo la spesa accade l’impensabile, e Camilla si ritrova ad essere sospettata di omicidio. Anche questa volta sarà il bel commissario Gaetano Berardi a venirle in soccorso. Ma il caso è complicato, e lui ha altro oltre alla libertà di Camilla in mente.

Essendo che L’amica americana è ambientato a Torino, il linguaggio del romanzo contiene dialetto e italiano regionale specifico al Piemonte, così come termini provenienti da altre regioni tra cui Lombardia, Veneto e Campania. Il testo presenta inoltre numerosi elementi lessicali dell’italiano neostandard, inclusi neologismi e colloquialismi.

DIALETTO
s-ciopón (tipo di barca usata per andare a caccia d’uccelli, letteralmente significa fucilone; Ing. big gun. In questo contesto, tuttavia, il termine significa colpo; Ing. stroke) (veneziano)
Alla “riunione ad alto livello” mister Cantino arriva “stravolto”, tanto stravolto che subito dopo gli viene uno s-ciopón, sempre che l’infarto fulminante sia stato davvero tale e non la versione plausibile di un omicidio.
(At the “high-level meeting,” Mr. Cantino arrived “agitated,” so agitated in fact that immediately afterward he had a stroke, provided of course that the sudden heart attack was really that and not the plausible version of a homicide.)

ciula (Ital. cretino; Ing. fool) (piemontese)
Sarà, però se uno a quarant’anni è ancora timido, oltre che timido è anche un po’ ciula, come dite voi.
(That may be, but if someone is still shy at forty years of age, besides being shy he’s also a bit of a ciula, as you people say.)

REGIONALISMI
smammare (Ing. scram) (napolitano)
Solo quando ebbe finito si decisero a smammare come si augurava la barista.
(Only when she had finished did they decide to scram like the barista was wanting.)

profia (Ing. prof; ma nel contesto del liceo Americano, teach) (piemontese)
Non mi aveva detto tutto, la profia, chissà perché.
(She hadn’t told me everything, the teach. Who knows why.)

far vedere i sorci verdi (Una frase che trae origine dall’emblema della 205ª Squadriglia della Regia Aeronautica) Ital. far vedere i topi verdi; Ing. letterale, to make [someone] see green mice, i.e., to make [someone] see red) (romanesco)
Se riusciamo a dimostrarlo gli facciamo vedere i sorci verdi.
(If we can prove it, we’ll make them see red.)

UNIVERBAZIONE
mioddio (Ing. myGod) diosacosa (Ing. Godknowswhat, i.e., Godknowswhatelse)
O mioddio, mi sfinirà di recriminazioni e rimproveri e rimostranze e raccomandazioni e rinfacci e diosacosa.
(OhmyGod, she’ll wear me out with recriminations and reproaches and remonstrances and recommendations and rebukes and Godknowswhatelse.)

ACCRESCITIVO
capelloni (Ital. capelli + -one; Ing. hairs + big; letterale, big hairs, usato con il significato di longhairs, i.e., hippies)
Amalia, chi l’avrebbe mai detto, di un hippy—a quel tempo da noi si chiamavano capelloni—e ha mollato tutto e tutti.(Amalia, who would have ever thought it, [fell in love] with a hippy—back then we called them longhairs here—and she dropped everyone and everything.)

GIURAMENTO
giurin-giuretta (Un giuramento fra bambini in cui si incrociano gli indici e si ondeggiano le mani avanti e indietro) Ing. (contesto americano) cross your heart [and hope to die])
Francesca per la prima volta sorride, fa giurin-giuretta ed esce.
(Francesca smiles for the first time, crosses her heart and leaves.)

COLLOQUIALISMO
non essere uno stinco di santo (Ing. letterale, not to be a saint’s shin, i.e., to be far from a saint)
Invece non se l’è cercata, anche se non era uno stinco di santo.
(But he didn’t go looking for it [trouble], even though he was far from a saint.)

NEOLOGISMO
tigì (Parola formata pronunciando le lettere tg, ovvero l’abbreviazione dell’italiano telegiornale; Ing. literally, telenewspaper, i.e., news)
Non ancora, te li ho solo portati, ma ho visto il tigì delle sei e mezzo. Poveri noi.
(Not yet, I just brought them to you [the newspapers], but I saw the six-thirty news. Poor us.)

ESPRESSIONI DI TEMPO
l’altro ieri (Ing. letterale, the other yesterday, i.e., the day before yesterday)
Non c’è più venuto nessuno, a vederla, e lei l’altro ieri ha tolto il cartello.
(No one else came, from the look of it, and she took down the sign the day before yesterday.)

oggigiorno (Ing. letterale, todayday, i.e., nowadays)
Siamo tutti nervosi, oggigiorno.
(We’re all irritable, nowadays.)

Osservazioni conclusive: L’amica americana non è il tipico giallo. Mentre presenta sicuramente l’intrigo che ci si aspett dal genere, soprattutto perché è impossibile anticipare la prossima mossa dell’autore, è anche una lettura stimolante. Oggero è particolarmente brava ad immergere il suo pubblico direttamente nelle menti (e nei cuori) dei suoi personaggi attraverso monologhi interiori. Quelli di Camilla e della vedova Dora Vernetti sulle difficoltà relazionali e sull’invecchiamento sono molto commoventi. Il risultato è che i personaggi di Oggero sembrano parenti o vecchi amici, dai quali i lettori hanno molto da imparare.

In Traduzione: Vista l’enorme popolarità dei misteri Camilla Baudino, è un peccato che non vi sia alcuna traduzione in inglese di L’ amica americana. Il romanzo è disponibile tuttavia in francese, con il titolo L’ Amie américaine.

Su Internet: Potete trovare Margherita Oggero su Facebook. Già che ci siete, date un’occhiata a un episodio di Provaci ancora prof! sulla RAI Italiana. È una serie eccezionale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *